Pranzo al mare

Una volta non esistevano tante strutture di ristorazione ai vari stabilimenti balneari…..! Solo le strutture piu’ “danarose” avevano un bar dove potersi ristorare. Era quindi in voga ogni tanto…mangiare al mare. Il che significava portarsi il cibo da casa….dalle cose da mangiare alle cose da bere. Esistevano i frigorirefiri…con tavoletta refrigerante. Dentro ci si metteva una miriade di contenitori con dentro specialmente …frutta. Le mamme adoravano rimpinzarti di frutta : era fresca..conteneva liquidi….e sotto il sole..faceva bene ( cosi’ dicevano tutti). Altro classico era l’affettato. Ma il panino..si faceva…direttamente sul luogo . Era inevitabile che qualche granello di sabbia….entrasse nel panino come era naturale che dallo steso….uscisse puntualmente la rondella di pomodoro…! Si finiva di mangiare un po’ unti…..visto che col caldo..trasudava ogni cosa nel cibo ( tranne la preziosa frutta…). E poi..si doveva aspettare il tempo per digerire…..ed evitare la congestione…non tuffandosi in acqua prima del tempo. Dopo lo spuntino….se si riusciva…si faceva un riposino …cercando di seguire l’ombra cangiante fatta dal piccolo ombrellone. Alla fine eri soddisfatto della missione compiuta…anche se magari qualche onbrellone piu’ avanti..avevi visto gente che dispiegava tavoli…..dispiegava …melanzane alla parmigiana….forme di parmigiano …..  penne alle olive e capperi….e simili. ah ah ah.