Discomusic

Discomusic .La disco music, a volte abbreviata disco, è un genere musicale  nato da dunk,soul, musica latina e musica psichedelica , con elementi di swing e musica afroamericana  che fu maggiormente popolare negli anni settanta, anche se da allora ha goduto di brevi rinascite. Il termine è derivato da discothèque (in francese “libreria di dischi fonografici”, ma in seguito usato come nome proprio per i nightclub a Parigi ). Il suo pubblico iniziale era composto dai frequentatori di club delle comunità afro americane , italo americane, latine e psichedeliche di New York e Filadelfia  tra la fine degli anni sessanta e i primi anni settanta. La disco fu anche una reazione sia contro il dominio della musica rock  sia contro la stigmatizzazione della musica da ballo dalla controcultura  durante questo periodo. Anche le donne abbracciarono la disco e così la musica progressivamente si espanse a diversi altri popolari gruppi musicali del tempo.Molti artisti non-disco registrarono canzoni disco o influenzate da essa al culmine della popolarità del genere musicale (ricevendo tra l’altro aspre critiche come quella di essersi venduti) e film come Saturday Night Fever e Thank God It’s friday,  contribuirono al successo della disco a livello di popolarità mainstream. La disco fu l’ultimo movimento di musica popolare di massa guidato dalla generazione del baby boom . La musica disco fu un fenomeno mondiale, ma la sua popolarità diminuì negli Stati Uniti alla fine degli anni settanta. Il 12 luglio 1979, una protesta anti-disco a Chicago  chiamata poi Disco DEmolition Night  aveva dimostrato che una reazione arrabbiata contro la disco e la sua cultura era emersa negli Stati Uniti. Nei mesi e negli anni successivi, molti gruppi musicali associati alla disco lottarono per ottenere airplay nelle radio negli U.S.A., anche se non ebbero questo tipo di problemi negli altri paesi. Pochi artisti riuscirono ad entrare in classifica con canzoni disco all’inizio degli anni ottanta, ma il termine “disco” divenne fuori moda nel nuovo decennio e alla fine fu sostituito da “dance music”, “dance pop” ed altri identificatori. Anche se le tecniche di produzione sono cambiate, molti gruppi musicali di successo sin dagli anni settanta hanno mantenuto il battito base della disco e la mentalità, e le discoteche sono rimaste popolari Un risveglio della disco è stato osservato prima nel 2005, con l’album di Madonna Confessions on a dance floor  e di nuovo nel 2013, con canzoni in stile disco di artisti come i Daft Punk, J.Timberlake e B.Mars,  che hanno riempito le classifiche pop nel Regno Unito e negli Stati Uniti.Entro la fine degli anni settanta la maggior parte delle più importanti città degli Stati Uniti ebbero una fiorente scena disco. Lo Studio 54  fu senza dubbio il più noto di questi nightclub. I balli popolari furono il Robot e l’Hustle , un ballo sessualmente molto suggestivo. I frequentatori della disco spesso indossavano mode costose e stravaganti. Ci fu anche una fiorente subcultura della droga nella scena della disco, in particolare per quelle e per i farmaci che avrebbero migliorato l’esperienza di ballare con la musica ad alto volume e le luci lampeggianti, come la cocaina , l’LSD  , il NItrito di Amile  (conosciuto col nome di ” Popper ” )  e il Metaqualone , commercializzato col nome di “Quaalude”. L’altro fenomeno culturale dell’era disco fu la promiscuita’   e il sesso pubblico nei club. Altri club di NY, nati alla fine degli anni 70, che hanno contribuito sicuramente allo sviluppo del fenomeno Disco sono stati il The Gallery del dj Nicky Siano e il Paradise Garage con il dj Larry Levan. Alla fine degli anni settanta, un forte sentimento anti-disco si sviluppò tra i fan del rock e i musicisti, in particolare negli Stati Uniti. Gli slogan “disco sucks” (la disco fa schifo) e “death to disco” (morte alla disco) divennero comuni. Artisti rock come Rod Stewart e D.Bowie  che aggiunsero elementi disco alla loro musica furono accusati di essersi venduti.La subcultura punk  negli Stati Uniti e nel Regno Unito fu spesso ostile alla disco.  Il critico rock del New Jersey scrisse “Put a Bullet Through the Jukebox”, una diatriba al vetriolo contro la disco che fu considerata una chiamata alle armi del punk.Il sentimento anti-disco fu espresso in alcuni spettacoli televisivi e nei film. Un tema ricorrente nello show WKRP in Cincinnati   fu un atteggiamento ostile verso la musica disco.Il 12 luglio 1979 divenne noto come “il giorno in cui la disco morì” a causa della Disco Demolition Night , una manifestazione anti-disco a Chicago. I DJ rock S.Dahl e G.Meier  , organizzarono l’evento promozionale per i fan del rock scontenti tra i game di un incontro fra i White Sox e le Detroit Tigers . L’evento, che comportò l’esplosione di registrazioni disco, si concluse in una rivolta, durante la quale la folla vociante strappò sedili e pezzi di tappeto erboso, e causò altri danni.  Sei mesi prima del caotico evento, la popolare stazione radio Progressive Rock  passò improvvisamente ad un formato completamente disco, disaffrancando migliaia di fan del rock a Chicago e lasciando Dahl disoccupato.Il 21 luglio 1979 i primi sei dischi nella classifica musicale statunitense erano canzoni disco. Il 22 settembre non c’erano canzoni disco nella classifica top 10 statunitense. Qualcuno nei media, in toni celebrativi, dichiarò la disco “morta” e il rock rianimato. Personalmente : salvo la discomusic e la difendo. Certe band avevano degli strumentisti….bravissimi. W la Discomusic.