Telefilm pre serale

Telefilm pre serale. Sulla rete ammiraglia della rai, poco dopo le 19…alle 19.20 per essere precisi .per tanti e tanti anni, a cavallo tra i settanta e gli ottanta…andava in onda un telefim per ragazzi ( a seguire…Almanacco del giorno dopo…previsioni del tempo e …il telegiornale). Direi che questa fascia e’ stata principalmente famosa per Happy Days , il famoso telefilm americano. Fu sempre difficile cercare di riempire quella fascia quando non andava in onda Happy Days. C’era Orzowei…Dr.Who…la Famiglia Partridge…Amore in soffitta…Tre nipoti e un maggiordomo…Paper Moon ..Lassie…Furia …Tarzan …Zorro…e tanti altri  . Ma quella fascia sara’ sempre ricordata per Happy Days. Era un buon periodo : era seguitissima sia perchè veniva prima del telegiornale…e sia perchè i ragazzi che erano a scuola..potevano prendersi un breve svago dopo ore passate sui libri. E poi…tutti a cena. Era sicuramente una delle fasce televisive piu’ seguite della giornata. Un appuntamento must….quasi come oggi..l’Happy Hour con lo spritz.

Attenti a quei due

Attenti a quei due ( The Persuaders in originale ) . Telefilm capolavoro andato in onda in Inghilterra tra il 1970 e il 1971. Fu un enorme successo in Europa. Un Roger Moore stratosferico..reduce dai successi del Santo…Simon Templar …perfettamente a suo agio nei panni di Lord Brett Sinclair. Un Tony Curtis ( gia’ purtroppo in carriera calante..) perfetto e bravissimo nella parte del ruvido Danny Wilde…un self made americano. L’episodio pilota…spega come si sono conosciuti ( E’ stato un piacere conoscerti e picchiarti). Ando’ in onda solo una stagione. Di li a poco Roger Moore sarebbe diventato il nuovo 007 e della seconda ventilata stagione…non si fece piu’ nulla. Un vero  peccato perchè il telefilm e’ sicuramente uno dei migliori telefilm degli anni 70 e non solo. L’alchimia Moore+Curtis funziona e fa scintille. Due bravissimi attori che mai si pestano i piedi ed anzi…si aiutano tra loro….a favore del pubblico. Ambientata nella british primi anni settanta…la serie e’ stata girata nei Pinewood studios ( una sorta di Cinecitta’ inglese…). Bellissima la sigla iniziale di John Barry. Un telefilm riuscito in tutto e per tutto : interpreti…personaggi di contorno ……. ambientazione. Una curiosita’ : gli abiti indossati da Lord Brett Sinclair….sono disegnati e ideati dallo stesso Roger Moore. Il mio cognome artistico ovviamente…..nasce da ..Lord Brett ….Sinclair. Stratosefrico l’episodio : Una strana famiglia. Un telefilm ironico, mai volgare o grossolano. Per tutti.

Camion AD FIAT 643 N / 643 T

Camion AD FIAT 643 N / 643 T : una categoria di camion…di una volta…quando il lusso era..avere il posacenere demtro all’abitacolo. Camion che quando si fermavano..ripartivano con una cintura…un fil di ferro. Avevano 9000 di cilindrata . Andavano…ovunque…e difficilmente ti lasciavano a piedi. La Fiat produsse in quel periodo dei camion praticamente…inaffondabili. Erano semplici…avevano lo stretto necessario , senza troppi fronzoli…e forse anche per questo…macinavano in sicurezza…chilometri su chilometri. Cari Vintagers….oltre 50 anni fa….!

We are the Champions Queen

We are the Champions Queen : una band leggendaria…un cantante leggendario…e una canzone leggendaria. Un bellissimo lento …con un crescendo fantastico ed avvolgente. Un brano di..quaranta anni fa…sempre attuale…sempre affascinante. Con la morte di Mercury nel 1991 ( a soli 45 anni) …la band e’ praticamente morta…nonostante i successivi tentativi ( poco fortunati e meramente commerciali ..di resuscitarla). I Queen erano Freddy Mercury…e Freddy Mercury era i Queen. Bellissima questa canzone.

Ellery Queen

Ellery Queen e’ un telefilm… vintage nel vintage. E’ uscito in america ben 42 anni fa…ed era ambientato negli anni 40 ( nell’immediato dopo guerra). Adattamento televisivo ai famosi racconti gialli di Ellery Queen ( che era la sigla di due persone… Frederick Dannay e Manfred B. Lee ) . Un cast azzeccatissimo : oltre a Jim Hutton ( papa’ dell’attore Timothy) non vedrei nessun altro nel ruolo dell’allampanato Ellery.  Purtroppo la prematura scomparsa dell’attore nel 1979 fece smorzare tutti gli entusiasmi di una possibile seconda serie. I telefilm sono semplici…..immediati…senza troppi fronzoli dispersivi. Bellissime le ambientazioni dell’epoca. Classica nel finale…la sfida al lettore…tipica dei libri del duo..che qua diventa..la sfida allo spettatore. Ellery ti invitava a risolvere il mistero , mettendoti sul piatto tutti gli elementi necessari…rivolgendosi direttamente alla telecamera. Suo padre…l’ispettore Queen …e’ ottimamente interpretato e la coppia si trova spesso a stretto contatto per la soluzione del caso ( alla fine pero’ sara’ sempre Ellery che riuscira’ a sciogliere l’intrigata matassa). Tutti i personaggi di contorno…importantissimi…come lo sfortunato Simon Brimmer….che tenta sempre senza successo ..di arrivare prima di Ellery. Un telefilm che ha fatto epoca e che vede all’interno di ciascun episodio…..validi interpreti delle storie ( Joan Collins…Vincent Price…David Doyle..Ida Lupino …) che con la loro professionalita’ rendon piacevolissima la visione di questo telefilm. Lo adoro..ho tutta la collezione in dvd e non è un mistero che il mio nickname ( datomi da mia madre una quarantina di anni fa)…. nasce da questo telefilm. Un peccato che l’idea di un telefilm Ellery Queen non sia stata piu’ ripresa : erano piacevoli…mai volgari…mai grossolani. E voi cari VIntagers..ve li ricordavate?

Professionalita’ Vintage

Due appuntamenti…con tanta professionalita’ Vintage. 16-09-2017 al Volo….serata revival. La piu’ bella musica di sempre..tutta in una sera. Anni 60 70 80 90 2000 disco afro funky latino e tanto altro.  14-10-2017 al Cavolo a Merenda : concorso canoro Brezza di Musiche.  Un bel posto ..belle voci e tanta professionalita’. Vi aspetto. IL vintage…non tradisce…mai.

Cartone animato Heidi

Il cartone animato ( o anime se prferite ) Heidi ( la ragazza delle alpi)  ottenne un enorme successo in Italia , quando arrivo’ nel 1978. La sigla italiana era cantata da Elisabetta Viviani. L’amicizia vera e sincera tra Heidi e Clara ( una ragazza sulla sedia a rotelle).  Un cartone animato..mitico che ancora adesso viene replicato a piu’ non posso. Forse assieme a Goldrake…fu il primo esempio del successo del genere anime giapponese,  Sicuramente bello..sia per i paesaggi..ma anche per i tanti sentimenti che si susseguono nei vari episodi. Alla fine gli episodi furono 52 per una durata di 25 minuti circa ciascuno.   Le alpi svizzere…erano la principale location di questo cartone.Ciao Vintagers. Vi aspetto alla serata del 16-09-2017….e magari mettiamo anche Heidi.

King Love and pride

King : love and pride . Un gran pezzo : coloratissimo. Paul King e i suoi stivaletti tutti colorati. Alla fine la band..era lui…..il resto…solo contorno.  La band e’ durata due anni.  Dopo lo scioglimento del gruppo Paul tenta senza successo la carriera solista. La band ci lascia comunque …una manciata di ottimi singoli ( ricordiamo Alone without you…).

Vintage forever

Vintage Forever : due avvenimenti assolutamente da non perdere. Il 16-09-2017 ricominciano le nostre serate revival…al Volo ( Caselle ). La piu’ bella musica di sempre…tutta in una sera . Afro funky disco latino anni 60 70 80 90 2000 e tanto altro ancora.  Il 14-10-2017 al Cavolo a Merenda…un bel contest musicale. Brezza di musiche. Una bella gara canora come una volta : una serata secca..e tante belle voci.  Due cose alle quali tengo molto : molto professionali. Vi aspetto.

Shangai

Lo Shangai e’ un vecchio gioco di origine cinese …….chiamato anche Mikado.  41 Bastoncini colorati di circa 17 cm. La versione piu’ conosciuta e’ nata negli anni settanta.Un giocatore , che è estratto a sorte, stringen in mano i bastoncini, con le punte poggiate sul tavolo, e  li lascia cadere a ventaglio, partendo da una posizione verticale.IL gioco sara’ di  provare a sfilarne dal gruppo ( senza muovere gli altri) , ad uno ad uno, il maggior numero possibile, cercando di non muovere gli altri. Il primo bastoncino va raccolto assolutamente a mani nude, mentre per i successivi ci si potrà avvalere di quelli già raccolti, come bacchetta. Quante partite abbiamo fatto da piccoli ….e tutti siamo stati inflessibili giudici..nel controllare ogni impalpabile movimento .