Ercolino sempre in piedi

Ercolino sempre in piedi . Famoso negli anni sessanta e settanta era un pupazzo gonfiabile che veniva dato con la raccolta di punti Galbani. Era alto circa ottanta centimetri e la base era riempita d’acqua affinche  da qualsiasi posizione si trovasse…tornasse sempre in piedi. Somigliava a Paolo Panelli….immagine dello spot del Bel Paese….con Ercolino). Cosa e’ il Misirizzi ? E’ un giocattolo di forma ovoidale che se sbilanciato tende a ritornare in posizione eretta. La base del giocattolo ha forma rotondeggiante, simile ad una semisfera, all’interno del quale è alloggiato un peso che tende, dopo aver fatto oscillare il giocattolo per alcuni istanti, a far ritornare nella posizione eretta il giocattolo ogni volta che viene sbilanciato.Quando la figura è spinta, il peso collocato nel misirizzi sposta il centro di massa causando l’oscillazione della figura che poi ritornerà nella forma di equilibrio iniziale, cioè quella eretta

Caramella PIP

Caramella PIP . Cambiano i tempi…cambiano gli anni…ma non la caramella pip. Sembra sia forse la unica caramella dedicata  ai fumatori, con la confezione che nei colori e nel disegno ricorda il tabacco e che nel sapore coniuga bene i due gusti di liquirizia e menta .  Quello che ne esce …. non si trova in altre caramelle.Tanti e tanti  anni fa, nelle tabaccherie , era possibile acquistarle sciolte: si trovavano in confezioni di plastica trasparente delle dimensioni di un secchiello e costavano 10 Lire. Erano incartate con una pellicola plastica termosaldata e molto aderente, non facile da aprire  su cui era stampigliata la scritta “PIP” in color oro. E si trovano ancora in commercio. Ovviamente…..èiacevano anche ai non fumatori.

Caldarroste

Caldarroste . Un fenomeno una volta sicuramente piu’ diffuso. Oggi come spesso accade…queste piccole tradizioni da strada…si stanno perdendo. In realta’ erani gli antesignani degli attuali street food…ma fatti con meno mezzi ( e calcoli..) e piu’ cuore. Diciamocelo francamente : non le pagavi poco . Ma bisognava tenere conto anche del freddo patito da chi le cuoceva …che quasi sempre era un ambulante all’aperto. Venivano servite o in cartoccio di carta oleosa o in sacchettini di carta . Era uno spettacolo mettersi davanti all’ambulante ed aspettare che magari finisse di cuocere l’ultima mandata…perchè al momento era tutto esaurito. E la Castagna…. non si cuoce tanto in fretta. Ma almeno si stava al calduccio a vedere il fuocherello che crepitava e a gustare il classico profumo delle castagne arrosto. Se la gente era tanta….dovevamo aspettare un altro giro. Ma era piacevole : era un modo di scambiare una battuta con chi era con te…o vicino a te. Poi arrivava il momento di degustare il famoso cartoccetto …ed era festa. Una volta ci si accontentava di poco. C’era chi se le portava a casa per accompagnarle con un po’ di vino rosso( che volendo poteva anche essere messo sopra le castagne durante cottura) ….meglio ancora se Novello.  C’era chi invece le consumava per strada…magari mentre camminava…o piu’ comodo su una panchina ( allora non c’era il pericolo che te le rubassero…). Era un momentiodi aggregazione….simpatico..caldo..e gustoso.  Inutile nasconderlo : le caldarroste….rimangono sempre un qualcosa di gustoso e appetitoso. Na..un fenomeno tipico degli anni settanta. Non occorre avere fame…si mangiano..e basta 🙂  Sono ricche di fibre..potassio e Vitamina B. Insomma…si unisce l’utile al dilettevole. Mi raccomando..se le fate sulla classica padella bucata…..impiegherete sui 25/30  minuti a cuocerle bene e importante e’ fare un bel taglio sul frutto..per impedire che col calore…scoppi.  Buon appetito..Vintagers. Qua si respira la vera aria …Vintage….la sentite? Musicalmente parlando Vi aspetto al 31-12-2017 al Ristorante Antichi Sapori ( Cola’ di Lazise)….dove tra le altre cose troverete anche una bella brace….proprio come ai vecchi tempi…e un ambiente caldo ed accogliente. Per il Vintage..ci saro’ io…..ovviamente.

Festa delle medie

Festa delle medie. E’ citata anche in una famosa canzone di Elio e le storie tese. Erano i tempi che la musica si suonava con un giradischi solo….o addirittura con quel gran rosica  solchi del mangiadischi. Il piu’ appassionato di musica era incaricato di mettere i dischi e tutti portavano i loro preferiti ( il che portava ad avere in una stanza..la piu’ alta concentrazione di vinili della citta’…) . Le fazioni si dividevano tra gli amanti del rock e quelli delle canzonette ballabili. I primi non ballavano quasi mai…mentre i secondi si dimenavano alla grande ( con stile spesso sgraziato e totalmente indipendente dalla musica che stava suonando..) . Il punto comune erano i lenti : il sogno di tutti i ragazzini tredicenni..era quello di poter ballare un ballo con la ragazzina che adoravano. Era gia’ un enorme successo poter ballare un lento con la tua preferita….che pero’ puntualmente ti veniva soffiata dal bello della classe ( che noi ci si domandava sempre : ma cosa avra’ di cosi’ tanto bello…). I gg prima si abbondava nell’uso di Clerasil o Topexan..per far sparire i poco affascinanti brufoli …tipici dell’eta’. Il rinfresco era semplice : coca cola (…di qualsiasi marca…) e Fanta come bevande. Qualche panino….e tonnellate di patatine…..un classico. Quelli che non riuscivano ad accaparrarsi una ragazzina….intavolavano discussioni su argomenti vari : si passava dalla musica….alle lezioni di Judo o karate  tanto in voga in quel periodo. Feste assolutamente normali e innocenti : ma a noi ragazzini anni settanta…sembravano piu’ importanti della cerimonia per gli oscar.W la festa delle medie.

Patatine San Carlo

Le Patatine San Carlo rappresentarono una grande novita’ negli anni settanta. Sino ad allora il monopolio era sempre stato della PAI. Io ero alle elementari….e nella pausa di meta’ mattinata uno spuntino era un must. I genitori votavano per il classico panino…. o un buondi’ Motta…oppure per una merendina del periodo ( esempio..quelle di Papa’ Barzetti). I giovanissimi alunni…. per il pacchetto di patatine..rigorosamente con sorpresa. Particolare dell’epoca : non esistevano le mille fisse alimentari di oggi ( e forse si viveva meglio…) e quindi il prodotto era discretamente unto…compreso il sacchettino contenente la sorpresa che assumeva vita tra le tue mani quasi fosse un anguilla del Po’. Il piu’ delle volte le sorprese erano decisamente di bassissimo valore ( omini in  plastica…dischetti colorati…)…ma ogni tanto i piu’ fortunati trovavano anche cose piu’ carine ( mini trottole… piccoli giochi da tavolo….). Gli anni settanta e ottanta ebbero un grande boom con questo tipo di formato. Ora e’ caduto un po’ in disuso…soppiantato da mille altri prodotti piu’ elaborati…..! Ma il sacchetto classico..con la sorpresina sfigata ( che comunque a noi sembrava bellissima..) anni settanta…rimane sempre e comunque un mito.

Brezza di Musiche 14-10-2017

Brezza di Musiche 14-10-2017  : si è svolto al Cavolo a Merenda di Caselle,  davanti ad oltre cento persone e una sala gremitissima. Un concorso di altri tempi…vintage. Aperto a tutti….senza eliminazioni. Sollo una serata secca. Grandissime voci hanno animato la serata. Tutto è filato liscio come l’olio. Giuria ok…tutto a posto. Una serata all’insegna dell’informalita’ ma con tanta professionalita’. Grazie di cuore per esserci stati. Adesso i prossimi appuntamenti con Ellery sono : 31-10-2017 festa di Halloween ( a base di anni 60 70 80 90 2000 e recentissimi …….afro funky disco latino…). Prenotate il vostro tavolo per tempo. Un premio al costume piu’ bello. 11-11-2017 Karandancing. Una serata divisa in due : prima la mitica Andre vi fara’ cantare …e Ellery poi vi fara’ ballare la piu’ bella musica di sempre.  #karaoke #musicarevival #concorso canoro

Marmellata Fruttino

Marmellata Fruttino : una merenda molto in voga negli anni sessanta e settanta. Praticamente… una bustina di marmellata. Il piu’ famoso era il Fruttino della Zuegg. Il problema era spalmarla sul pane. O si apriva la bustina e si succhiava direttamente la marmellata..oppure si tentava goffamente di spalmarla…con scarsissimi risultati. Era in confezione di circa quattro centimentri… a forma di parallellepipedo. Ve la ricordavate ???

Serate divertenti

Serate divertenti : vi posto tre serate…tutte divertenti. Diverse tra loro ma …tanto Vintage. La prima è la serata revival che andra’ in scena al Volo il 7-10-2017 . Musica anni 60 70 80 90 2000 afro funky latino discomusic. Si mangia e poi si balla ..nello stesso locale.  14-10-2017 al Cavolo a Merenda… Concorso Canoro Brezze di Musiche……gia’ sold out da tempo come concorrenti…rimane una manciata di posti a sedere solo nella sala piu’ piccola. Un contest di altri temoi : raffinato..elegante..mai urlato.  11-11-2017 Karandancing…unico nel duo genere. Due persone distinte che vi faranno ballare e cantare. La Andre vi fara’ cantare..e Ellery….ballare.  Tre serate diversissime tra loro…accomunate da…. tanta professionalita’ e serieta’.

Cicocca brioss Ferrero

La Cicocca brioss ferrero era una casetta da costruire…di cartone che potevi avere se negli anni 30 e settanta, collezionavi i punti delle Brioss Ferrero ( erano al gusto ciliegia o albicocca). Era il sogno di tutti i bambini arrivare ad avere quella casetta…che seppure di cartone…sembrava a noi bambini…la piu’ bella del mondo. La Brioss rimaneva comunque una merendina buona che i ragazzini dell’epoca amavano a prescindere. Erano iniziative semplici ma che accendevano la fantasia dei bambini…e scusate se era poco…..! W il Vintage….non tradisce mai.

I gelati anni 70

I gelati anni 70 . A cavallo tra i sessanta e i sessanta…i gelati oltre ad essere sfusi….cominciarono ad essere venfìduti anche confezionati. Le marche produttrici non erano tante….ed alcune sono anche sparite. La varieta’ era ampia ed ogni casa produttrice aveva il suo pezzo forte. Sicuramente uno dei piu’ famosi fu il MOttarello : un classico gelato da passeggio. I gelati venivano pubblicizzati tramite dei cartelli rettangolari di metallo, sul quale erano stampati le immagini del prodotto..il nome ed il prezzo. Qualche marca ? Toseroni, Motta, Tanara , Algida , Eldorado, Besana, Sanson.  Paciugo, Pepito, Coppa dei Campioni. Coppa del Nonno, Piedone, Ghiacciolo….qualche nome.  Negli anni settanta questa attivita’ ebbe un enorme sviluppo. E il vostro preferito..quale era?  Qua…si respira il vero Vintage…ricordatevelo.