Videomusic

Videomusic. Videomusic nacque il 2 aprile del 1984 , in piena notte, sulle frequenze di Elefante TV , dal Centro di produzione che stava all’interno del complesso Il Ciocco di Castelvecchio Pascoli ( Lucca ) . La clip  che inaugurò le trasmissioni di Videomusic fu quella della canzone All Night long di L.Ritchie . Il logo, una piccola scritta “Video” su una M verde, fu ideato e disegnato da G. GRegori  e la scenografia fu ideata da B. Rubeo   successivamente scenografo di Oliver Stone . Nell’aprile 1984, l’emittente dedicò totalmente i propri sforzi ai programmi musicali con recensioni, interviste,videoclips ,  live, info musicali e dal mondo giovanile, 24 ore su 24. Inizialmente, i primiVJ  erano quattro:Rick Hutton, Clive Griffiths , Johnny Parker e Tiziana Cappetti . L’emittente ha un grande successo di pubblico tra i ragazzi, che prendono sempre più Videomusic come punto di riferimento televisivo.La rotazione dei video avveniva durante tutto l’arco della giornata, all’interno di vari programmi, fra i quali On the air (condotto a rotazione, tra gli altri, da G.Monti e M.Baldini )  . Quest’ultimo era strutturato come un omologo radiofonico, di qui il nome (trad. it. In onda): infatti dei conduttori si udivano solo le voci, mentre i clip musicali sostituivano i brani solo audio trasmessi via etere. Molte trasmissioni divennero cult: Hot Line , Heavy con Kleever (hard rock e heavy metal, nella quale Clive vestiva i panni del metallaro Kleever), Blue Night e Moka Choc , SEgnali di fumo  , Crazy Time , Rock Revolutiom , Print (programma letterario), Caos time , Metropolis (dedicato alla cultura delle maggiori città europee e americane e ai libri), Zona Mito (contenitore di video musicali degli anni precedenti) ,  Jazz X con Giuska Ursini. Nacque nel 1991 , il VM giornale, realizzato e trasmesso da Roma, primo telegiornale per i giovani con grande spazio alla musica, al cinema, all’ecologia , al lavoro: il tradizionale “Buongiorno” era sostituito dal più informale “Ciao”.. Ma Videomusic divenne famosa anche per le riprese live dei concerti dei più grandi artisti rock in tournée in Italia: molti concerti vennero pubblicati in home video e ancor oggi sono considerati oggetti di culto. Nel 1995  , Vittorio Cecchi Gori  acquistò Videomusic dalla famiglia Marcucci. Il palinsesto divenne più generalista, lasciando spazio anche allo sport, a film e telefilm. I programmi venivano allora realizzati tra Roma e Firenze, ma per i programmi musicali la sede era ancora il capoluogo toscano. Nel giugno 1996, il palinsesto di Videomusic venne ridotto a metà giornata per dedicarne il resto a una nuova tv,TMC 2 , canale tv fratello di Telemontecarlo . Questo nuovo canale ebbe una programmazione che spaziava dallo sport al cinema. Nell’estate 1997 sparì completamente il logo Videomusic dai teleschermi per far posto definitivamente a TMC 2, anche se la programmazione musicale riacquistò più spazio col passare degli anni. Nel 2000 si pensò di ripristinare il logo Videomusic entro pochi mesi, ma ciò non si realizzò perché il canale fu acquistato da Telecom Italia Media . In realtà il logo di Videomusic fece una breve riapparizione sugli schermi dalla mezzanotte del 16 aprile 2001 fino al 22 insieme a quello di TMC 2, nei giorni precedenti il debutto di MTV ITalia  su TMC 2; quando ormai la programmazione era costituita da musica non stop interrotta solo da qualche breve notiziario. Il 1º maggio 2001 il nuovo acquirente utilizzò le frequenze di TMC 2 per trasmettere al suo postoMTV ITALIA .  Dal 2016 il nuovo canale nazionale SOS Television propone “L’archivio e i racconti dietro le quinte” di VideoMusic: durante il programma assieme al logo del canale è presente sullo schermo anche quello di Videomusic. Dal 1 luglio 2017 è partita una nuova tv 24h su 24 “Vuemme Tv” che basa il suo palinsesto sui format dei vecchi programmi dell’emittente, oltre a ritrasmettere special, concerti e videoclip d’archivio della storica Videomusic.

 

serate revival

Come sapete ogni tanto diamo spazio alle mie serate revival. E’ un modo per stare insieme , visto che sono serate tranquille..professionali..dedicate alla buona musica o al buon canto. Il tre marzo saro’ agli Antichi Sapori di Cola’ per una serata musicale revival  ( afro funky disco latino e altri). Il posto è molto elegante e si mangia molto bene.  Il 10 saro’ in un posto nuovo : Laghetto dei Pioppi a Nogarole Rocca . Una bella saletta con tanto di camino ( stessa musica di cui sopra). Il 17 : contest canoro al Bridi di Perzacco di Zevio .  Un bel concorso..come quelli di una volta…semplici e professionali. Il 24…si torna al Volo…con Earth Vintage and Fire….mega serata revival ( afro funky latino disco anni 70 80 90 2000 ).  Insieme…in amicizia e semplicita’. Vi aspetto.

The Motowns

Quintetto originario di Liverpool , debuttò in Italia al Festival delle Rose del 1966  con il brano Per quanto io ci provi . E’ ricordato però principalmente per aver partecipato a diverse edizioni del Cantagiro e per avere inciso alcuni  brani  di successo, fra cui Prendi la chitarra e vai ( con cui vinsero  appunto il Cantagiro del 1967 nel Girone C dedicato ai gruppi musicali. Sempre nel 1967 la band incise l’unico disco 33 giri in Italiano contenente i suoi maggiori successi, da Una come lei a L’uomo in cenere. Hanno partecipato poi al Cantagiro del 1968 ma poco dopo il gruppo subì alcuni importanti cambi di formazione e l’abbandono del cantante Lally Stott, che intraprese la carriera solista e di autore (suo è il brano Chirpy Chirpy Cheep Cheep ) , m per poi morire nel 1977 in un incidente stradale.Nel frattempo il gruppo si stabilì permanentemente in Italia entrando a far parte dei gruppi “oriundi”, con tanto di matrimonio-spettacolo con due modelle italiane di Dougie Meakin e Mike “Saint” Logan .Nel 1970 nacque la seconda formazione del gruppo, in cui il ruolo di chitarrista solista venne preso dall’ex The Primitives Dave Sumner, al basso subentrò Mick Brill, mentre Meakin divenne l’unico cantante solista, mantenendo comunque il ruolo di chitarrista ritmico. A metà degli anni settanta il gruppo si sciolse ufficialmente ma quasi tutti i suoi componenti, che pure intrapresero carriere soliste, continuarono a lavorare come sessionman  in special modo per i primi album dei principali cantautori della cosiddetta “scuola romana”, finendo poi per rendersi protagonisti di una serie di grandi successi come autori e interpreti per la RCA di alcune importanti sigle di cartoni animati tra la fine degli anni settanta e l’inizio degli anni ottanta, registrati come Rocking Horse e come Superobots.

San Valentino

Oggi è San Valentino. Cerchiamo di capire meglio questa festa…assolutamente Vintage. La festa di san Valentino è una ricorrenza dedicata agli innamorati e celebrata in gran parte del mondo.Soprattutto nei paesi di cultura anglosassone, e per imitazione anche altrove, il tratto più caratteristico della festa di san Valentino è lo scambio di valentine, bigliettini d’amore spesso sagomati nella forma di cuori stilizzati o secondo altri temi tipici della rappresentazione popolare dell’amore romantico . A partire dal diciannovesimo secolo , questa tradizione ha alimentato la produzione industriale e commercializzazione su vasta scala di biglietti d’auguri dedicati a questa ricorrenza. La Greeting Card Association ha stimato che ogni anno vengano spediti il 14 febbraio circa un miliardo di biglietti d’auguri, numero che colloca questa ricorrenza al secondo posto, come numero di biglietti acquistati e spediti, dopo il Natale .Già alla metà del XIX secolo negli Stati Uniti  alcuni imprenditori  cominciarono a produrre biglietti di san Valentino su scala industriale. Fu proprio la produzione su vasta scala di biglietti d’auguri a dare impulso alla commercializzazione della ricorrenza e, al contempo, alla sua penetrazione nella cultura popolare. Il processo di commercializzazione della ricorrenza continuò nella seconda metà del ventesimo , soprattutto a partire dagli Stati Uniti . La tradizione dei biglietti amorosi cominciò a diventare secondaria rispetto allo scambio di regali come scatole di cioccolatini, mazzi di fiori o gioielli.Dal ventunesimo secolo la festa di San Faustino del 15 febbraio , è considerata da alcuni la festa di chi cerca l’anima gemella, in contrapposizione a San Valentino festeggiato il giorno precedente. Buon San Valentino..care Vintagers.

Serate Vintage

Serate Vintage . Ogni tanto parlo delle mie serate…che sono assolutamente Vintage. I miei prossimi appuntamenti sono tanti . 10-02-2018 al Volo…ci sara’0 una bella festa di carnevale. Un premio al costume puu’ bello. Musica revival…ma non solo. 14-02-2018 al Bridi di Zevio : serata San Valentino. Musica revival..ma anche qualche bel lento e musica romantica durante la cena. 17-02-2018 al Laghetto dei Pioppi a Nogarole…… si balla musica revival. 03-03-2018 agli Antichi Sapori di Cola’ si ballera’ afro funky disco e tanto altro ancora. 17-03-2018 al Bridi …Concorso canoro Mela Canto. Una bella manifestazione..seria e divertente. Insomma…..in pentola bollono tante cose. La musica revival…non nascondiamoci dietro un dito…e’ la piu’ bella di sempre..quella che non passa mai di moda.  Vi aspetto.

Mela Canto

Mela Canto : è un concorso canoro aperto a tutti che si svolgera’ al Ristorante Pizzeria Bridi a Perzacco di Zevio. E’ aperto a tutti ed e’ un concorso vecchio stile : professionale e con premi classici. Una serata secca senza nessuna eliminatorie. Una bella serata dove la gente si divertira’ sicuramente. Menu’ alla carta : odio i menu’ a pacchetto che son troppo vincolanti per la gente. Volete passare una bella serata….come una volta? Venite e .. cantate con noi.

 

Abba Dancing Queen

Abba Dancing Queen :Dancing Queen  è uno dei più grandi successi degli Abba ed una delle canzoni pop più popolari al mondo. Scritta da Benny Anderson Bjorn Elvaeus e Stog Anderson per l’album Arrival ,  uscì come singolo nell’estate del 1976 . Il tema della canzone gioca appunto sull’espressione “regina danzante” detta in italiano “regina della festa”, intesa come una festa da ballo, cioè la ragazza più bella che si fa notare per la sua avvenenza, e che ogni venerdì sera si prepara in cerca di avventure. Nelle intenzioni il ritornello è un invito a vivere la propria vita, (” young and sweet only seventeen” = “sei giovane e bella e hai solo diciassette anni”), nei fatti parla della nostalgia, da parte di una donna ormai avanti negli anni, di quanto cantava e ballava da giovane.

Anima Mia

Anima Mia : I Cugini di Campagna. Era il lontano 1973 . E’ contenuta nel secondo album della band : Anima Mia . Tra questi brani vi è anche il brano dell’album che ha riscosso più successo, ovvero Anima Mia (pubblicata come singolo assieme al brano Te lo dico), divenuta nel tempo oggetto di cover da parte di diversi artisti internazionali, come Dalida (parzialmente tradotta in francese), Perry Como o Frida degli Abba. Il brano trasuda di Vintage…a tonnellate 🙂  In questo spazio non poteva mancare.

Oh Happy Day

Oh Happy Day : qua in versione dei Edwin Hawkins Singers ,ma rifatta da decine e decine di interpreti. E’ una canzone gospel , sviluppata a partire da un inno del XVII secolo  ed incisa dagli Edwin Hawkins Singers nell’album Let Us Go into the House of the Lord del 1967. Due anni dopo iene pubblicato il singolo, che diviene un hit internazionale, raggiungendo fra l’altro il 2º posto della classifica inglese  ed il 4° di quella americana . Nel 1970 vince il Grammy Award for Best Soul Gospel Performance. Memorabile l’interpretazione della solista, la cantante di gospel Dorothy C.Morrison. Il testo, cantato in prima persona singolare sebbene eseguito in genere da vari cori ,  celebra il “giorno felice” (oh happy day) in cui Gesu’ “lavò i miei peccati ” (washed my sins away) e insegnò a “guardare, lottare e pregare” ed a essere felici ogni giorno.