Fabrizia Carminati

Fabrizia Carminati.  Fabrizia Carminati (Bergamo, 16 dicembre 1955) è un’annunciatrice televisiva e conduttrice televisiva italiana attiva per le reti Fininvest negli anni ottanta. Ha esordito in televisione nel 1979 come valletta di Mike Bongiorno nel primo quiz da lui condotto su una tv privata, I sogni nel cassetto, trasmesso da Telemilano (che dal 1980 divenne Canale 5). Dal 1981, sempre al fianco di Bongiorno ha partecipato alla trasmissione quotidiana del mattino Bis, che abbandonò nel 1983 per affiancare Stefano Santospago (poi sostituito da Marco Columbro e infine da Umberto Smaila e i Gatti di Vicolo Miracoli) nel quiz musicale Help!. Nell’estate del 1984 ha affiancato nuovamente Bongiorno, insieme a Fiorella Pierobon, nello spettacolo musicale Incontri d’estate.Nello stesso periodo è stata inoltre una delle giovani signorine buonasera con le quali Canale 5, Italia 1 e Rete 4, sul modello allora in voga della Rai, annunciavano i programmi in palinsesto. Appariva inoltre in diversi sketch nei contenitori di cartoni animati delle reti Fininvest, e con ruoli minori in altre trasmissioni televisive come Premiatissima in qualità di “Miss Fortuna” (curava lo spazio dedicato alle estrazioni per un concorso a premi) e Zodiaco (interpretava il segno del “Sagittario”).Nel 1986 ha interpretato una parte nel film per la televisione diretto da Bruno Corbucci Le volpi della notte, con Viola Valentino (Anna) e Pamela Prati (Miriam), nel ruolo di Elena, giovane e attraente agente speciale della questura di Roma. Nella stagione successiva, 1986/1987, ha fatto parte del cast di Un fantastico tragico venerdì, varietà di prima serata di Rete 4 condotto da Paolo Villaggio e Carmen Russo.Nel 1990 è passata in RAI dove ha affiancato Raffaella Carrà nella prima edizione di Ricomincio da due – Weekend con Raffaella in onda su Raidue, curandone i collegamenti esterni, mentre l’anno successivo è stata nel cast della trasmissione del venerdì sera di Telemontecarlo Settimo squillo, condotto da Remo Girone e Paola Perego. In seguito, tornata in Mediaset, è diventata inviata per il programma di Rete 4 Buon pomeriggio, condotto da Patrizia Rossetti.Nel 1994 ha collaborato con Telenorba, per la quale ha condotto il contenitore quotidiano Piazza d’uomo insieme a Ettore Andenna e Daniela Rocco.Successivamente si è candidata in politica per Forza Italia alle elezioni europee del 2004, senza però essere eletta.Dopo anni di assenza dal piccolo schermo è apparsa come ospite, nella primavera del 2007, in una puntata di Quelli che… il calcio (Rai 2), mentre nell’estate successiva è stata il personaggio misterioso in una puntata di Cultura moderna (Canale 5).Nel 2007 ha dichiarato d’aver avuto all’inizio degli anni ottanta una breve relazione amorosa con il suo editore del tempo, Silvio Berlusconi.

Ettore

Ettore . Ettore (nella versione originale in inglese Hector the Bulldog) è un  cane di razza Bulldog , ed è un personaggio minore delle serie animate Looney Tunes e Merrie Melodies della Warner Bros .  È presente in alcune puntate ed il suo ruolo è di proteggere su incarico della nonnina  Granny , il canarino Titti , infatti interviene più volte in aiuto dell’uccellino giallo salvandolo dalle fauci di  Gatto Silvetsro . Esso compare anche in Tom e Jerry , ma con un nome differente, Spike (o Killer).

Enzo Liberti

Enzo Liberti . Enzo Liberti, all’anagrafe Vincenzo (Roma, 20 aprile 1926 – Saint-Laurent-du-Var, 5 maggio 1986), è stato un attore, doppiatore e regista italiano, attivo in teatro, cinema e televisione per il quale è stato anche attivo in qualità di autore. Avviatosi inizialmente alla carriera di corriere diplomatico viene scoperto da Checco Durante in una serata in casa di amici comuni, dove intrattiene i presenti con imitazioni dei personaggi radiofonici famosi dell’epoca. Nel 1950 entra così a far parte della “Compagnia stabile del teatro di Roma”, che nello stesso anno ha trovato sede nell’antico Teatro Rossini di piazza Santa Chiara, dove conosce Leila Durante, che diventerà in seguito sua moglie. Si dedica quindi principalmente al genere dialettale  romano, nella compagnia del Teatro Rossini, assieme alla moglie Leila, al suocero Checco Durante e alla suocera Anita Durante. Si cimenta anche come autore di commedie e nella recitazione in italiano in compagnie di primo piano, accanto ad attori del calibro di Peppino De Filippo, Gino Cervi, Andreina Pagnani, Ernesto Calindri, Lauretta Masiero e molti altri. Nel 1954-55, dopo aver partecipato ad un primo film, cura la regia cinematografica di due film girati dagli attori della compagnia di Checco Durante, continuando in seguito come attore caratterista cinematografico. Nel 1954 inizia una lunga attività come doppiatore, solitamente per le cooperative ODI (da molto giovane), CID e CVD. Il timbro particolare della sua voce, squillante e profonda al tempo stesso, ne fa uno dei doppiatori più richiesti per la caratterizzazione di attori italiani o stranieri in genere robusti e/o corpulenti. Ma in tal senso ha al suo attivo un record, avendo doppiato una delle creature più gigantesche apparse sugli schermi, ovvero il mostro Godzilla nel film Godzilla contro i giganti. Sempre negli anni cinquanta inizia a recitare nella prosa televisiva Rai, dai cui schermi diventa effettivamente famoso solo a partire dal 1974, quando col varietà Tante scuse inizia la sua collaborazione con Raimondo Vianello e Sandra Mondaini che continua fino alla scomparsa. Da tempo gravemente malato di cuore, muore all’età di 60 anni il 5 maggio 1986, mentre si trova nella clinica “Arnauld Tranck” di Saint-Laurent-du-Var, vicino Nizza, dove era stato sottoposto ad un intervento chirurgico cardiaco, nel periodo in cui si tengono le registrazioni della popolare trasmissione Zig Zag: numerose puntate con la sua presenza continueranno infatti ad andare in onda dopo la sua morte. Il suo amico Raimondo Vianello decide quindi di lì a breve di chiudere definitivamente il quiz per rispetto alla memoria del defunto. La salma fu riportata in Italia il successivo 7 maggio per i funerali che si sono tenuti il giorno seguente nella Basilica di San Lorenzo a Roma. Riposa nel Cimitero del Verano di Roma.

Serate Vintage

Serate Vintage . Si svolgono alla pizzeria il Volo ( a Caselle in provincia di Verona ). Ogni tanto le promuoviamo in questo blog perchè bene si sposano col carattere e umore che trovate qui. La piu’ bella musica di sempre…tutta in una sera.  Se vi è piaciuto La febbre del sabato sera, Grease , il periodo della discomusic , degli anni settanta e ottanta….e un po’ di latino e afro , ebbene queste sono le serate che fanno per voi. Tanto divertimento e ottima musica ( con l’ottimo cibo del Volo ). I protagonisti siete voi…e solamente Voi. Vi aspettiamo il 09-02-2019…per divertirci insieme.

Amaro Diesus

Amaro Diesus . Diesus è l’amaro del frate. Sia per l’inconfondibile forma della sua bottiglia, che per il tradizionale gusto dell’amaro, tipico dei liquori storicamente prodotti nei conventi. Un amaro tradizionale, frutto dell’infusione in vini pregiati ed erbe aromatiche quali china, genziana e timo. Diesus nasce negli anni Sessanta. Da sempre è uno dei prodotti di punta della Barbero 1891, azienda nata alla fine dell’Ottocento nel basso Piemonte, entrata a far parte del Gruppo Campari nel 2003. “L’amaro del frate” è uno dei primi claim pubblicitari diventato “d’uso comune” nell’Italia del dopoguerra.

The Stray Cats

The Stray Cats . Gli Stray Cats sono stati un gruppo rockabilly statunitense originario di Long Island (nello stato di New York) formata nel 1979 dal cantante e chitarrista Brian Setzer insieme ai compagni di scuola Slim Jim Phantom e Lee Rocker. Il gruppo nasce nel ’79 in piena ondata punk, ma si differenzia subito per lo stile rétro che omaggia la musica degli anni cinquanta e per la voce unica di Brian Setzer. La strumentazione è semplice: una chitarra elettrica, un contrabbasso e una semibatteria. La band inizia presto a farsi conoscere nella scena musicale di New York per la forte energia che si sprigionava dai loro concerti. Nel 1980 gli Stray Cats cercano di allargare i propri orizzonti nel Regno Unito dove riescono a pubblicare qualche singolo. Ed è proprio a Londra l’incontro con il produttore Dave Edmunds (già impegnato in ambito rockabilly con i Rockpile), che nel 1981 riuscì a ottenere un contratto per un album con la Arista Records. Il successo dell’album d’esordio Stray Cats superò ogni aspettativa e la casa discografica ai rammaricò di aver pubblicato l’album solo in Europa. Il successo, però, fu di breve durata e sempre nel 1981, l’album Gonna Ball venne accolto da giudizi negativi costringendo gli Stray Cats a tornare negli Stati Uniti. Nel 1982 venne firmato il contratto con la EMI America per il terzo album Built for Speed composto sia da inediti e sia da canzoni già uscite nel Regno Unito. Con questo album ottennero il successo anche negli USA e l’anno successivo decisero di pubblicare un secondo album Rant n’ Rave with the Stray Cats che ebbe un discreto successo. Nel frattempo i singoli Rock This Town e Stray Cat Strut scalarono le classifiche. Dal 1984 in poi, seguirono una serie di continui scioglimenti e album di poco successo. Rocker e Phantom formarono un trio insieme a Earl Slick (il futuro chitarrista di David Bowie), mentre Setzer intraprese una carriera solista. Nell’86 la band si riunì, registrò Rock Therapy e si sciolse nuovamente. Nell’1989 ci fu una seconda reunion da cui nacquero quattro album di scarsissimo successo: Blast Off! (1989), Let’s Go Faster (1990),Choo Choo Hot Fish (1992) e Original Cool (1993). Nel 2004 dopo una lunga pausa uscì l’album live Rumble In Brixton (con l’inedita Mystery Train Kept a Rollin) a cui seguì un lungo tour del 2007 insieme ai Pretenders e agli ZZ Top.Nel 1990 Brian Setzer fa alcuni concerti insieme alla sua Brian Setzer Orchestra, mentre Rocker e Phantom pubblicheranno qualche lavoro a fianco di altri artisti Rockabilly.

Ciro Sebastianelli

Ciro Sebastianelli . Ciro Sebastianelli, pseudonimo di Gilberto Sebastianelli  (Napoli, 11 settembre 1950 – Milano, 14 febbraio 2009), è stato un cantautore italiano. Debutta sulle scene musicali nel 1973 con il singolo Capelli di seta, ma è due anni dopo con il singolo Vattenne, scritto con Ermanno Capelli ed Oscar Avogadro, che ottiene un discreto successo. L’anno dopo esce Laura, la canzone più votata al Disconeve. La vecchia casa discografica si affretterà a ripubblicare il singolo Capelli di seta accreditandolo a Ciro Sebastianelli. Nel 1978 partecipa al Festival di Sanremo, arrivando ad un punto di differenza dal podio, composto da Matia Bazar, Anna Oxa e Rino Gaetano, con Il buio e tu, primo brano in un misto di lingua italiana e napoletano, ripreso a tutt’oggi da altri artisti. Lo stesso anno pubblica anche il suo primo album Il buio e….! L’anno successivo si ripresenta al Festival di Sanremo con Ciao Barbarella. Segue il singolo Marta, Marta, che partecipa al Festivalbar 1980, riscuotendo un buon successo di pubblico. Con la canzone Tenerezza ha partecipato alla manifestazione canora Azzurro di Vittorio Salvetti. Ha composto brani anche per altri cantanti, fra i quali Loredana Bertè ed il duo olandese Mouth & MacNeal (Ah l’amore, scritta con Ermanno Capelli, finalista al Festival di Sanremo 1974 ed ai primi posti nelle classifiche europee), ed ha pubblicato altri suoi brani fra i quali Rubami, composto con Cristiano Malgioglio, una rielaborazione in chiave moderna dello storico brano Signorinella, la canzone Ischia faje sunnà, con la quale ha partecipato ad un festival internazionale in Olanda, oltre ad aver pubblicato vari 45 giri ed LP. Fra i brani da lui composti con Ermanno Capelli e da lui incisi si possono ricordare Tra sogno e realtà, Madre del vento, L’uomo bambino, Vorrei essere io, Lasciati andare, Ti vestivi di stelle. Negli anni ottanta interpreta quale protagonista il film dossier Apocalisse di un terremoto, una storia d’amore che documenta i danni del terremoto dell’Irpinia del 1980, che ha destato interesse anche all’estero, in particolare in Canada. In seguito è stato acquisito dalla Cineteca Vaticana. Nel 2000 è uscita su CD la raccolta Ciro Sebastianelli. Nel novembre 2007 la Warner Music per Ala Bianca ha pubblicato il CD Il mio amico Roberto Murolo, il cui brano di punta E canto, supportato da videoclip, è interpretato in duetto con lo stesso Roberto Murolo. Subito dopo, è uscito il DVD Ritratto inedito del mio amico Roberto Murolo (AlaBianca): un filmato unico per l’eccezionalità delle immagini, raccolte negli ultimi anni di vita (e non solo) del maestro,  dal cantautore Ciro Sebastianelli, e contenente, oltre il videoclip del brano E Canto, altre canzoni, dialoghi e testimonianze. È morto il 14 febbraio 2009 all’Ospedale San Raffaele di Milano, presso il quale era stato sottoposto a un intervento chirurgico.

Plastic Bertrand

Plastic Bertrand .  Plastic Bertrand, nome d’arte di Roger Allen François Jouret (Bruxelles, 24 febbraio 1954), è un cantante e batterista belga. Roger Jouret inizia la carriera come batterista nel gruppo punk Hubble Bubble, che pubblica nel 1974 l’album omonimo Hubble Bubble (Barclay Records). Incontra il produttore e interprete Lou Deprijck (frontman dei Two Man Sound), con cui continuerà a collaborare. Nel 1975 prende il nome d’arte e pubblica il suo primo singolo. La canzone Ça plane pour moi del 1977 fu un successo mondiale, pur con il testo in francese, ed è ancora oggi uno dei grandi classici punk-new wave-pop (in particolare, i gruppi Presidents of the United States of America, Telex, Sonic Youth e la cantante Leila K ne hanno fatto delle versioni cover). Poco tempo dopo comincia a circolare la voce secondo cui Ça plane pour moi non sarebbe stata cantata da Plastic Bertrand ma da Lou Deprijck. All’inizio degli anni ottanta Bertrand si trasferisce a Milano e in breve tempo diventa un vero idolo delle ragazzine italiane grazie a due singoli di notevole successo popolare, Hula Hoop (estate 1981) e Ping Pong (presentato al Festival di Sanremo nel 1982). Plastic Bertrand concorse per il Lussemburgo all’Eurovision Song Contest del 1987 con il pezzo Amour amour, arrivato però solo al penultimo posto. È stato anche il direttore-presentatore di una Star Academy belga organizzata dalla RTL-TVi nel 2002, che ebbe scarso successo. Il 28 luglio 2010 ha dichiarato, al quotidiano belga Le Soir, che fu effettivamente il suo produttore Lou Deprijck a cantare nella registrazione di Ça plane pour moi nonché nei suoi primi quattro album. Bertrand fu infatti preferito dalla casa discografica per il suo aspetto e per la coreografia adottata durante le esibizioni.Nel 2001 partecipa alla trasmissione La notte vola, gara musicale tra i brani più famosi degli anni ottanta, nella quale presenta il suo successo del 1982 Ping Pong.

Tiziana Rivale

Tiziana Rivale . Tiziana Rivale (Gaeta, 13 agosto 1960) è una cantante e compositrice italiana.Inizia a cantare a 11 anni, prediligendo artisti come Ella Fitzgerald, Frank Sinatra, Aretha Franklin, il blues e la musica nera in genere. Concorre per alcune gare canore vincendole e comincia la sua gavetta con la rock-band “Rockollection”, girando le discoteche del Nord Italia ed Europa. Inoltre è impegnata in un tour comico-musicale di Gino Bramieri per tre stagioni estive consecutive. Nel 1981, con il nome Tiziana Ciao, pubblica il suo primo 45 giri Addio Beatles / Meglio Charlot scritto e prodotto da Riccardo Zara leader del gruppo I Cavalieri del Re. Lasciato il gruppo, nel 1983 partecipa al Festival di Sanremo, vincendolo con la canzone Sarà quel che sarà, pubblicata dalla multinazionale WEA (con cui incide anche l’omonimo album Tiziana Rivale nel 1984). Da allora, diverse sono le partecipazioni televisive e i concerti in Italia e all’estero, toccando paesi come Russia, Germania, Svizzera, Ungheria, Spagna, Turchia, Romania, Belgio, Canada, Australia e U.S.A. Si esibisce anche con la Filarmonica di Praga. Nel 1986 esce l’album Contatto. Da segnalare anche la sua partecipazione World Popular Song Festival Yamaha di Tokyo. Tra i vari programmi televisivi in cui la cantante è stata ospite fissa, si annoverano anche le nove puntate di Bella d’estate, con Walter Chiari. Dal 1988 al 1992 Tiziana Rivale ha vissuto a Los Angeles, alternando le sue performance ad incisioni di colonne sonore e doppiaggio per film di produzione americana. Tra le altre cose incide la canzone My sophisticated love colonna sonora della serie Quando arriva il giudice di Giulio Questi e Don’t try to stop tomorrow colonna sonora del film Wilding (noto anche col titolo Wilding: The Children of Violence) di Eric Louzil. Negli USA incide anche il concept album rock Destiny, sponsorizzato dalla Pepsi Cola nel 1988. È del 1995 il singolo È finita qui. Nel 1996 esce un altro album, Con tutto l’amore che c’è, in cui oltre a canzoni inedite ci sono molte cover, tra cui Ancora tu di Lucio Battisti e Diamante di Zucchero. Nel 1997 esce la raccolta Il meglio di Tiziana Rivale. Nel 1998 esce l’album Angelo biondo, in cui l’artista si misura con alcuni classici italiani e internazionali. In questi anni, dal 1997 al 2003, ha fatto parte del cast di programmi televisivi come Ci vediamo in TV, Alle 2 su Raiuno e Paolo Limiti Show, ideate e condotte proprio da Paolo Limiti. Partecipa anche a un paio di edizioni di “Domenica In”, al fianco di Fabrizio Frizzi e dello stesso Limiti. Da gennaio 2005 a giugno 2006, Tiziana Rivale è stata ospite fissa di due programmi notturni (Eros e Storie d’amore), ideati da Gabriele La Porta, direttore di Rai Notte; sempre dal 2006 è in tour con la rock band Rewind. Nel 2008 Tiziana Rivale è ospite fissa nel programma MilleVoci di Gianni Turco, dove tornerà quasi tutti gli anni e sulla TV musicale di SKY Music Life TV ideata e diretta dal regista Maximo De Marco. A partire dal 2008 Tiziana Rivale ritorna in sala d’incisione con uno stile musicale nuovo, spostandosi dal classico pop che l’aveva contraddistinta fino ad allora, verso uno stile più marcatamente dance, che si rifà nello specifico alle sonorità della Italo disco anni ’80. Per l’etichetta indipendente Flashback Records escono quindi su vinile i due singoli in inglese Ash e Flame. Nel 2009 altri due singoli, Telephone e Daily Dream, vengono pubblicati su vinile dalla Flashback Records. Inoltre, per l’etichetta Interbeat esce un nuovo album contenente dodici inediti intitolato Mystic Rain. Anche questi brani sono cantati interamente in inglese ed esprimono al meglio il suo potenziale di cantante dallo stile decisamente internazionale. Nel 2010 canta Don’t be Alone, un altro brano in inglese questa volta di genere space disco, composto dalla band polacca Galaxy Hunter. Questa traccia è contenuta nel loro album Running High. Il 21 giugno 2011 esce un nuovo album, sempre improntato alla dance Italo disco, dal titolo True, edito dall’etichetta indipendente XDivisions, mentre nel 2012 duetta con il cantante italiano Peter Arcade (nome d’arte di Piero Aresti) nel brano in lingua inglese Living in the Twilight ed escono i due singoli Miss Rivale: Someday e Lonely Boy. Nel 2013 è la volta del singolo Notte astrale e nel 2014 di For Always. Nel 2015 torna con un nuovo album dal titolo Babylon 2015, che contiene il brano The real Norma Jean (del quale viene realizzato anche un videoclip) un omaggio a Marilyn Monroe e la cover Over the Rainbow di Judy Garland. Ci sono anche altri successi come Downtown e Salma ya salama oltre a molti inediti. Dopo molti anni nel 2016 torna a cantare in italiano col singolo Io come il sole pubblicato dalla Interbeat. Nello stesso periodo la D.V. More Record ristampa la raccolta in formato digitale Il meglio di Tiziana Rivale col titolo Greatest Hits. Nel marzo 2017 esce il singolo The Shadow of Elohim, realizzato insieme a Stefano Ercolino, che parla di geoingegneria, scie chimiche e robot, il tutto traendo ispirazione dalla figura biblica di Elohim. Mentre il 30 giugno 2017 esce un doppio CD dal titolo Ieri oggi domani, pubblicato dall’etichetta Latlantide, che contiene la ristampa dell’album Contatto del 1986 (mai editato su CD) e il nuovo album Ieri oggi domani; quest’ultimo composto da successi in nuove versioni e dai brani inediti Più forte e La busta.

Karina Huff

Karina Huff . Karina Huff, nome d’arte di Carrina Corona Elizabella ( Londra 21 gennaio 1961 – Londra 18 aprile 2016 ), è stata un’attrice britannica .Nata a Londra il 21 gennaio del 1961, Karina ebbe una certa notorietà in Italia nei primi anni ottanta  grazie soprattutto ai film Vacanze di Natale  (in cui è Samantha, un’americana di Pittsburgh ), Sapore di mare , Sapore di mare 2 , Un anno dopo  (nei quali interpreta Susan, straniera innamorata degli agi).Nel 1981  è stata la soubrette al fianco di Gianfranco d’Angelo nel varietà di Rai 2 , Signori si parte , del quale cantò anche le sigle. Nel 1982 condusse la seconda edizione di Popcorn , il primo programma musicale della Fininvest andato in onda su Canale 5.Nel dicembre 1981 conquistò la copertina di Playboy , dove veniva indicata come la rivale di Heather Parisi . Al culmine della fama, nel marzo 1984 , apparve ancora senza veli sulla rivista Playmen .Nel 1988  è lei a ballare la sigla finale del serial cabarettistico Zanzibar , in cui compariva anche nella parte di Eva (avventrice in perpetua attesa del fidanzato Raul), personaggio che però non fu incluso nel montaggio finale del programma.Dopo qualche altro piccolo ruolo in pellicole di vario genere ha abbandonato il mondo del cinema. Nel 1999  ha partecipato alla trasmissione tv Meteore – Alla ricerca delle stelle perdute . A marzo del 2013 è stata ospite nel salotto televisivo di Domenica Live , presentato da Barbara d’Urso .Nel 2008  ha scoperto di avere un tumore al seno  dal quale si è curata. Ha fatto poi rientro in Inghilterra . A causa di una recidiva tumorale, muore il 18 aprile 2016, all’età di 55 anni.