Amaro 18 Isolabella

Amaro 18 Isolabella .L’Amaro 18 Isolabella è un amaro italiano, ideato nel 1871 da Egidio Isolabella ed ancor oggi prodotto (sebbene con non grande diffusione) dalla Illva di Saronno. Fu ideato (un anno dopo rispetto al Mandarinetto, composto nel 1870) dalla ditta fondata da Egidio Isolabella, divenuta poi F.lli Isolabella & C. e infine E.Isolabella & Figlio, con sede in Milano in via Villoresi 13 ed in Corso Colombo 9. Veniva definito “aperitivo tonico” (ed il mandarinetto “superiore al curacao” e “liquore di gran lusso”). Oltre a questi, la casa produceva anche il Vermouth Bianco “High Life”. Successivamente il Mandarinetto  e l’Amaro 18 furono acquisiti (assieme al nome “Isolabella” divenuto anche marchio) dalla Illva di Saronno.L’amaro si presenta di colore scuro e con gradazione alcolica del 30%, è ricavato dall’infusione di 18 tipi di erbe .Si può consumare sia come digestivo sia come dissetante con l’aggiunta di seltz  ed una scorza di limone . È inoltre utilizzabile nella preparazione di cocktail  quali il Baby darling .Il numero 18 ricorre spesso nella storia Isolabella: la licenza ottenuta per la produzione di vermut era la numero 18, 18 è la prima parte di 1870, anno in cui la casa si affermò con il Mandarinetto , l’amaro 18 Isolabella è composto da 18 erbe. Un testimonial televisivo per Carosello  dell’Amaro 18 Isolabella è stato Corrado .

Sandro Giacobbe

Sandro Giacobbe .Sandro Giacobbe, all’anagrafe Santino Giacobbe  (Moneglia 14-12-1951 ) , è un cantautore italiano .Di famiglia operaia, con genitori di origini lucane (d Genzano di Lucania , in provincia di Potenza), con due fratelli, a sedici anni, trascurando gli studi di ragioneria, forma con alcuni amici un gruppo musicale, Giacobbe & le Allucinazioni, e si esibisce nei locali della Liguria .Ottiene un primo contratto con la Dischi Ricordi , e debutta nel 1971  con la canzone Per tre minuti e poi…, seguita l’anno successivo da Scusa se ti amo; queste prime incisioni non ottengono però alcun riscontro, e cambia allora casa discografica passando alla CBS , che lo valorizza dapprima come autore, pubblicando quindi alcune sue canzoni cantate da altri artisti, tra cui ottiene un buon successo L’amore è una gran cosa, interpretata da Johnny Dorelli  e scelta come sigla della trasmissione radiofonica Gran Varieta’ .Il primo 45 giri  di successo è del 1974 : Signora mia , che partecipa al Festivalbar  e dà il nome anche al suo primo album; il brano viene anche inserito nella colonna sonora del film di Lina Wertmuller , TRavolti da un insolito destino nell’azzurro mare di agosto , mentre un’altra canzone dell’album, Signora addio, viene interpretata anche da GIanni Nazzaro .Seguono l’anno dopo Il giardino proibito (45 giri e album) e Io prigioniero, con cui partecipa e vince la Gondola D’Oro di Venezia .  Il 1976 è l’anno del boom: arriva terzo al Festival di Sanremo con Gli occhi di tua madre e ottiene un buon successo in estate con Il mio cielo, la mia anima: inoltre partecipa come autore allo Zecchino d’oro  con la canzone Sette note per una favoletta. Nel 1977 esce l’album Bimba; nel 1978  Lenti a contatto. Nel  1979 con Mi va che ci sei torna il successo popolare bissato l’anno successivo da Notte senza di te e soprattutto da Sarà la nostalgia del 1982 che si afferma come una delle hit più acclamate dell’anno e che sarà in seguito cantata anche dal tedesco Nino De Angelo .Nel 1983 è di nuovo a Sanremo con la delicata Primavera, mentre l’anno dopo ottiene ancora un successo con Portami a ballare, gettonatissimo brano estivo presentato a Un disco per l’estate . Successivamente dirada l’attività discografica dedicandosi principalmente ai concerti e alle iniziative di solidarietà e sport legate alla Nazionale cantanti  della quale è difensore centrale e in seguito promosso ad allenatore.Nel 1990  torna in gara a Sanremo cantando Io vorrei, che dà il titolo al nuovo disco, pubblicato dalla Carosello . Nel 2003  partecipa al Festival di Vina del Mar , in Cile ,  con il brano Intanto passa il tempo e ottiene il secondo posto tra i Big. Nel 2008  il comico A.Albanese usa il suo hit Il mio cielo, la mia anima come canzone d’accompagnamento per il suo personaggio Cetto La Qualunque nel programma televisivo Che tempo fa .È stato l’autore della colonna sonora della sit-com  brasiliana “Amico Bet”, interpretata da Stefano P. Bet. Nel 2009  pubblica l’album, Vuoi ballare ?  Nel 2010 pubblica per la Sony il CD Tutta la vita , corredato da un video. Nel 2011 esce, edito dalla sua etichetta Airone Music, il singolo Sei musica, anch’esso con video.Nel dicembre 2014  partecipa come concorrente VIP al lancio del quiz televisivo di Pupo  sul canale Agon Channel .Nel gennaio 2015  pubblica il singolo Ali per volare interpretato insieme alla sua partner Marina Peroni, con etichetta Airone Music e distribuzione Music Universe a.c.m.

Venni, vidi, Vintage

Venni, vidi, Vintage . IL motto per passare delle ottime serate revival. We are Vintage People. A dicembre tre serate nel veronese , di cui una molto importante ( il 31-12 ). Cosa troverete? Tanta buona musica….per tutti.  Anni 60 70 80 90 2000 afro funky latino discomusic tormentoni balli di gruppo e tanto altro.  Sette dicembre e 31-12 agli Antichi Sapori di Cola’ di Lazise…un posto elegante e raffinato dove si mangia veramente bene.  Il 15 dicembre…al Volo di Caselle…con della fantastica pizza e un cast giovane e sprintoso.  Tanta buona musica e tanto divertimento. Vi aspetto per divertirci insieme e tradurre in musica..lo spirito di questo sito.

Eye of the tiger

Eye of the tiger .  Eye of the Tiger è una famosa canzone della ROCK BAND STATUNITENSE DEI SURVIVOR , scritta da J.Peterik e F.Sullivan . È stata pubblicata come singolo di lancio del terzo ed omonimo album in studio del gruppo, Eye of the tiger  l’8 maggio del 1982.   La canzone ha riscosso un notevole successo grazie soprattutto alla sua inclusione nella colonna sonora  del film Rocky III interpretato da Sylvester Stallone . La canzone venne scritta su richiesta di Stallone stesso, che non era riuscito ad ottenere il permesso per utilizzare Another one Bites the dust dei Queen .  La versione inclusa nel film differisce leggermente da quella originale in quanto presenta i ruggiti di una tigre. Nel 1983 , la canzone venne candidata sia all’ Oscar che al Golden Globe , perdendo in entrambe le occasioni contro Up where we belong di Joe Cocker  e utilizzata per il film Ufficiale e Gentiluomo .  Il singolo è stato un enorme successo commerciale, riuscendo ad entrare nelle classifiche di tutto il mondo. Negli Stati Uniti   si piazzò al primo posto della Billboard Hot 100  e ci rimase per sei settimane consecutive, risultando il secondo singolo più venduto dell’anno dietro solo a Physical di Olivia Newton John . Il singolo venne certificato Disco di Platino   nell’agosto del 1982 per aver venduto più di un milione di copie negli Stati Uniti.Complessivamente, Eye of the Tiger ha venduto più di 9 milioni di copie nel mondo ed è oggi uno dei singoli più venduti di sempre. La canzone tratta della vita di ogni tipo di lottatore di strada, invita a rialzarsi dopo la solitudine passata, a non cedere la gloria per la fama mondiale e che chi lo fa è in grado di guardare tutti dalla notte con gli “occhi della tigre”.

 

Never Gonna Give You Up

Never Gonna Give You Up .Never Gonna Give You Up è un singolo del cantante inglese Rick Astley , pubblicato nell’estate del 1987  come primo singolo   dell’album di debutto Whenever you need somebody . Il brano godette un grande successo piazzandosi al primo posto delle classifiche di venticinque paesi differenti.Nel videoclip  di Never Gonna Give You Up, che fu diretto da Simon West , Astley canta e balla in diversi ambienti cittadini a volte accompagnato da ballerini. Fra i vari personaggi presenti vi è un barista che, dopo aver sentito Astley cantare, balla e si cimenta in una serie di mosse acrobatiche.Dal 2007 , Never Gonna Give You Up è diventata oggetto di un fenomeno di internet  noto come rickrolling. Questo consiste nel postare un link in un forum o una chat , facendo credere che si tratti di un contenuto particolarmente interessante: tale link, eventualmente modificato, porta invece al video musicale  della canzone. Con l’aumento del fenomeno, il video originale della canzone ha avuto più di 100 milioni di visite] e più di 70 milioni di visualizzazioni per lo stesso video sotto il nome di RickRoll’D.Nel 2008 , Rick Astley è stato premiato con un MTV Europe music award al miglior artista di sempre  , in seguito al voto collettivo di migliaia di persone su internet e del fenomeno popolare di rickrolling.

Bella in rosa (Pretty in Pink)

Bella in rosa (Pretty in Pink).Bella in rosa (Pretty in Pink) è una commedia del 1986 sull’amore adolescenziale e i luoghi comuni nella scuola superiore americana degli anni ottanta, con protagonista Molly Ringwald.Alla soglia dei suoi 18 anni, Andie Walsh è una studentessa che lavora part-time in un negozio di dischi, gira su una macchina rosa e vive con il padre disoccupato non ancora ripresosi dall’abbandono della moglie. Grazie a una borsa di studio, Andie ha l’occasione di frequentare una facoltosa scuola frequentata da ricchi e snob figli di papà. A causa del suo ceto sociale e del suo aspetto, viene presa in giro dai suoi compagni ed è costretta a cucirsi gli abiti per apparire sempre diversa.L’amico d’infanzia Duckie è da sempre innamorato di lei e la corteggia, ma Andie si innamora di Blane, ragazzo di buona famiglia che la ricambia, invitandola al ballo scolastico, tirandosi però indietro dopo le pressioni di amici e genitori, che per lui sognano un futuro promettente al fianco di una ragazza di ben altro ceto sociale.Nonostante il rifiuto di Blane, Andie non si scoraggia e, confezionato un bellissimo abito rosa, chiede all’amico Duckie di accompagnarla al ballo, dove Blane, senza tenere in conto dei pareri contrari di coloro che lo circondano, dichiara il suo amore ad Andie. Duckie rendendosi conto di fare la cosa giusta si mette da parte, permettendo l’amore tra Andie e Blane.Il titolo del film è preso da una canzone dei Psychedelic Furs . Il film è stato girato nella stessa scuola dove fu girato Grease . Andrew DiceClay , Dweezil Zappa e Gina Gershon hanno dei piccoli ruoli nel film.Molly e Dweezil Zappa hanno avuto una breve relazione durante le riprese del film.Inizialmente il film prevedeva un finale diverso, in cui Andie ballava al centro della pista con Duckie, ma ad un’anteprima il finale non fu apprezzato, così fu deciso di rigirare la scena finale. Andrew McCarthy , che per un ruolo in un altro film si era rasato i capelli, dovette recitare con un parrucchino.

La rivincita dei nerds

La rivincita dei nerdsLa rivincita dei nerds (Revenge of the Nerds) è una commedia del 1984 diretta da Jeff Kanew e incentrata sulle vicende di un gruppo di studenti americani emarginati dai propri coetanei liceali perché goffi, trasandati e dall’apparenza di sprovveduti, nonostante l’ottimo profitto scolastico, dunque dei nerd , non in linea con la moda e lo stile di vita audace della maggioranza (cool).Una divertente locandina promozionale ritraeva due personaggi con abbigliamento ed accessori bizzarri. Arizona, due adolescenti entrano nel prestigioso Adam’s College imparando presto la loro “condizione” e sottoposti alle angherie del gruppo leader “Alpha Beta”, proverbialmente costituito dalla locale squadra di football americano . Lo stesso allenatore ha più potere del direttore del college.I nostri, assieme ad altri ragazzi del genere nerd, tra i quali un giovanissimo precoce genio , costituiscono la loro confraternita, “Lambda Lambda Lambda”, e nonostante gli scherzi pessimi da parte dei nerboruti Alpha, tentano di emergere avvalendosi della loro intelligenza, vincendo le elezioni scolastiche ed arrivando a sedere al prestigioso Consiglio Greco , massima autorità studentesca. Negli anni seguenti sono stati realizzati diversi seguiti, come La rivincita dei nerds II – Nerds in paradise  ( 1987 ) , La rivincita dei nerds III- The next generation ( 1992 ) e La rivincita dei nerds IV – Nerds in love ( 1994 ) .

 

Jeeg robot d’acciaio

Jeeg robot d’acciaio . Jeeg robot d’acciaio (鋼鉄ジーグ Kōtetsu Jīgu?) è un manga giapponese di genere mecha esordito su una rivista edita dalla Kodansha nell’aprile 1975. Venne ideato da Go Nagai e dal disegnatore Tatsuya Yasuda. Dal manga venne tratta nello stesso anno una serie televisiva anime di 46 episodi, prodotta dalla Toei Animation . La storia tratta del risveglio dal sonno millenario dell’antico popolo Yamatai che vorrebbe conquistare il mondo ma viene contrastato dal robot Jeeg.Il professor Shiba, noto scienziato giapponese, durante una ricerca archeologica, scopre una antica campana di bronzo appartenuta all’antico popolo Yamatai, soggetto alla malvagia regina Himika. Una popolazione che ha sempre fatto come regola di vita la sopraffazione dell’uomo sull’uomo. Il popolo Yamatai non si è estinto, si è ibernato nella roccia in attesa di ritornare in vita: solo la magica campana di bronzo gli permetterebbe di conquistare il mondo: per questo il professore decide di nascondere la campana e approfittando di un grave incidente di laboratorio in cui viene disgraziatamente coinvolto suo figlio Hiroshi, gli salva la vita trasformandolo in cyborg e gli miniaturizza nel petto la campana, rendendolo invulnerabile. Hiroshi cresce senza essere a conoscenza di tutto ciò; diventa un grande campione di Formula 1 . Un giorno durante una corsa egli rimane vittima di un grave incidente automobilistico, dal quale rimane incredibilmente illeso: ma nulla gli lascia intuire la sua invulnerabilità. In quegli stessi istanti rinascono dalle rocce i guerrieri Haniwa , insieme al perfido ministro Ikima, che aggrediscono il professore ferendolo gravemente. Mika Uzuki , la sua giovane e dolce assistente, lo ritrova e lo riporta morente a casa della sua famiglia, dove morirà fra le braccia del figlio, ma non prima di avergli consegnato una strana collana e un paio di misteriosi guanti. Il professor Shiba ha però creato, prima di morire, un computer dove ha riversato tutta la sua conoscenza: ed è questa che rivela al figlio di potersi trasformare in un robot, Jeeg, il robot d’acciaio, destinato a difendere l’umanità dai terribili mostri Haniwa. Comincia così la lunga guerra che vede il giovane Hiroshi, ribelle e presuntuoso ma sicuramente coraggioso, combattere contro i guerrieri della perfida regina Himika comandati dai perfidi ministri Ikima, Mimashi e Amaso. Inizialmente inconsapevole del segreto che porta nel suo petto, lotterà senza grande senso di umanità, ma poi, poco alla volta, prenderà coscienza della sua responsabilità e maturerà nello spirito e nel carattere. Nelle battaglie il padre sarà sempre vicino a Hiroshi, consigliandolo e aiutandolo direttamente o tramite la sua assistente Miwa (alla guida del suo velivolo il Big Shooter), o attraverso i suoi scienziati, collaboratori della Base Antiatomica, il laboratorio di ricerca da lui diretto in vita e ora gestito dal suo diretto aiutante, il prof. Dairi. Ma la regina Himika scopre il segreto della campana di bronzo riuscendo a radiografarla dal petto di Hiroshi, interpretando le iscrizioni grazie alle quali invoca il malvagio Imperatore del Drago (noto anche come il Signore del Drago), ma quest’ultimo, anziché venirle in aiuto, la ucciderà per sostituirsi a lei sul trono.Da allora, la guerra con Jeeg e gli umani si inasprisce: ma nello stesso tempo, lo stato d’animo dei ministri di Himica, ancora fedeli alla loro regina, crea malessere all’interno dell’impero Yamatai. Mimashi, coraggioso ministro di Himika, aizza il suo popolo contro il Signore del Drago, tentando una rivolta ma fallisce e rimane ucciso. Ikima e Amaso si assoggettano al Signore del Drago ma saranno sempre bistrattati da quest’ultimo, che presto li sostituirà con Flora, una giovane guerriera umana che si trova molto vicina al Signore del Drago, grata per averle ridato la vita quando da piccola era stata inavvertitamente uccisa durante una battaglia (nella quale i suoi genitori erano rimasti uccisi) mentre cercava di salvare un cucciolo di lupo.Flora ha sangue umano nelle vene e non riesce a dimenticare il suo cuore umano. Hiroshi e Flora si incontrano e subito il giovane si accorge dello stato d’animo di Flora, al punto da cercare di convincerla a tornare sui suoi passi. Il Signore del Drago riesce sempre ad averla vinta sui sentimenti di Flora, in nome di quell’antica gratitudine. Ma un giorno Hiroshi viene rapito e portato nel regno Yamatai, in quell’occasione Flora capisce i suoi errori e tradisce il suo imperatore liberando Hiroshi. Ma il tradimento si paga con la morte e la giovane guerriera viene trucidata dallo stesso Imperatore.La guerra non ha limiti ma l’impero Yamatai, dopo le varie sconfitte, va sempre più indebolendosi. Solo un attacco in massa può portare alla vittoria. Jeeg si difende strenuamente ma con difficoltà al punto di rischiare la disfatta. Il computer della base, il professor Shiba virtuale, si schianta contro l’astronave nemica uccidendone gli occupanti (compreso Ikima) e salva Jeeg da una grave sconfitta. Desideroso di vendicare il padre, Hiroshi riprende fiducia in sé, trovandosi faccia a faccia con il perfido Signore del Drago. Un duro scontro lo porta a vincere contro il suo potente nemico.La guerra è finita, Hiroshi è maturato e ha acquistato una grande sicurezza di sé, sarà sempre disposto a difendere la sua famiglia e il suo popolo, in nome della pace.

Through the Barricades

Through the Barricades .Through the Barricades è un singolo degli Spandau Ballet pubblicato nel 1986 ed estratto dall’ album omonimo .Through the Barricades, presente anche in varie raccolte degli Spandau Ballet, è considerata da diversi elementi del gruppo il miglior pezzo che abbiano mai inciso.Il brano fu scritto da Gary Kemp . Il singolo, prodotto da Gary Langan  e uscito su etichetta CBS, raggiunse il secondo posto delle classifiche in Italia , dove risultò il nono singolo più venduto in assoluto del 1986.La maggiore ispirazione per la composizione del brano fu la morte di un amico degli Spandau Ballet, Thomas Riley, ucciso a Belfast  da un poliziotto il 9 agosto 1983 .L’autore del brano, Gary Kemp, affermò di averlo composto nell’arco di una sola serata, mentre si trovava in Irlanda.«We made our love on wasteland and through the barricades» (Through the Barricades (1986).

Il testo parla di una storia d’amore tra una ragazza e un ragazzo di religione opposta nell’ Irlanda del Nord martoriata dalla guerra civile tra cattolici e protestanti. La storia d’amore, osteggiata dalle famiglie dei due, sembra avere un finale tragico. Il brano è in gran parte accompagnato dal suono di una chitarra . Nel video musicale le immagini dell’esecuzione del pezzo da parte degli Spandau Ballet si alternano con le immagini di un ruscello.

 

Baccara

Baccara.Baccara è un duo musicale femminile spagnolo attivo dagli anni settanta  che ha avuto il periodo di maggior successo a cavallo tra la fine degli anni settanta e i primi anni ottanta. È conosciuto per canzoni note su scala internazionale come Yes sir , I can boogie e Sorry, I’m a lady. Le due cantanti sono le spagnole Mayte Mateos ( 07-02-51) e Maria Mendiola ( 04-04-1952 ) . La loro musica è un mix degli stili disco music e pop music, con testi in lingua inglese , cantate col peculiare accento della lingua spagnola .Nel 1976 , dopo la loro uscita dal Balletto della Televisione Spagnola, Mayte Mateos e María Mendiola formarono il duo Venus. Mayte e María fecero la loro prima apparizione televisiva come duo nel programma Palmarès, dove agivano evocando le sorelle Kessler . Il contratto che avevano firmato con una sala di spettacoli di Saragozza arrivò alla sua fine, ma grazie ai suoi contatti personali María gestì alcune presentazioni nelle Isole Canarie.Presso l’Hotel Tres Islas a Fuerteventura  avvenne il provvidenziale incontro con Leone Deane, direttore della RCA tedesca, Patrick Krevitz e Fred Dieckmann, anche nel settore della musica, che si cristallizzò con la registrazione di un album col nuovo nome di Baccara. L’album, scritto e prodotto per Rolf Soja e Frank Dostal , sorpassò le aspettative della casa discografica e dei propri artisti.Nel 1977 le Baccara vendettero più di 16 milioni di esemplari del singolo “Yes Sir, I Can Boogie”, entrando nel Libro Guinness dei Records come il gruppo musicale femminile che aveva venduto più dischi fino a quella data. “Yes Sir, I Can Boogie” fu il primo singolo interpretato da un duo femminile che arrivò ad essere numero uno nel Regno Unito e il primo per un artista spagnolo fino a J.Iglesias ,  quattro anni più tardi.Le Baccara divennero uno dei gruppi spagnoli di maggiore riconoscimento internazionale, pur raccogliendo il maggior successo al di fuori della  Spagna . Sono state le numero uno praticamente in tutti i paesi europei, sottolineando il loro gran successo in Germania , dove i loro dischi venivano prodotti,Norvegia, Russia, Svezia  e, in grado minore, nel Regno Unito . Il pubblico scoprì due donne eleganti e affascinanti, con un abbigliamento sexy, sempre in bianco e nero, interpretanti canzoni sensuali.Le Baccara rappresentarono la Gerrmania Occidentale con la canzone “Mad In Madrid” nell’ottava edizione del Festival Mondiale della Canzone Popolare nel 1977 .  Mayte e María erano le grandi favorite del Festival ma ottennero solo il quattordicesimo posto. Questo Festival era il concorso musicale più grande del mondo e si basava sulla filosofia in base alla quale la musica è la lingua comune di tutta l’umanità, senza tenere conto dei limiti politici ed economici.Le Baccara parteciparono all’Eurofestival del 1978  rappresentando il Lussemburgo  con la canzone “Parlez-Vous Français?”. Finirono settime. Nonostante questo, il brano fu il più venduto tra tutti quelli che parteciparono a quell’edizione del Festival.Nel 1979 in occasione dell’Anno Internazionale del Bambino , le Baccara registrarono la canzone “Eins Plus Eins Ist Eins” per celebrare il ventesimo anniversario della Dichiarazione dei Diritti del Bambino ed incoraggiare la sua applicazione.Dopo una serie di grandi successi come “Sorry, I’m A Lady”, “Darling”, “The Devil Sent You To Laredo”, “Body-Talk” e “Ay, Ay Sailor”, il duo si disintegrò in seguito ad una gran polemica che sorse col lancio dal singolo “Sleepy-Time-Toy”. Nel 1981, dopo avere registrato il loro quarto album, entrambi i membri decisero di iniziare carriere separate. Né Mayte né María ottennero molto successo come soliste e, dopo alcuni anni, si cercarono nuove compagne e rifecero il duo. A partire da quel momento ci furono due formazioni con lo stesso nome: Baccara. Attualmente, María ha come compagna Marisa Pérez (dal 1985 ), e Mayte fa coppia con Paloma Blanco. Baccara continua presentandosi in tutta l’Europa e non ha smesso di lanciare nuovi dischi sul mercato nelle sue due formazioni.Nel dicembre 2009 lo spot pubblicitario dello stilista Cesare Paciotti i ebbe come colonna sonora la canzone di Baccara “Yes Sir, I Can Boogie.” così come nel 2012 lo spot delle cover telefoniche della “Puro”.La canzone “Sorry, I’m A Lady” di Baccara fa parte della colonna sonora originale del film Mine Vaganti  (2010) del regista turco F.Ozpetek : il brano fa da sottofondo a una delle scene più esilaranti della pellicola, in cui i protagonisti improvvisano un balletto in mare.