Pupazzo Provolino

Il pupazzo Provolino nasce quasi 50 anni fa ( era il 1968 ) . Era manovrato e aveva come spalla ….Raffaele Pisu. La voce invece era di Oreste Lionello. Il suo slogan era  : Boccaccia mia statti zitta. Era un pupazzo irriverente…sempre incavolato contro qualcosa o qualcuno. Divento’ un fumetto..un album delle figurine , un 45 giri  a tanto  altro. A cavallo tra i sessanta e i settanta ebbe una grandissima popolarita’ e diffusione. Un pezzo degli anni 70 che non dimenticherete facilmente . Ve lo ricordavate ?  Ma quante cose vi faccio tornare in mente?

I love Radio Rock

I love radio rock . Un film dei duemila ma dedicato…al Vintage. La vera storia ( un po’ romanzata) di Radio Caroline, che trasmetteva fuori dalle aree territoriali , per non incorrere in sanzioni . Un capolavoro : in un film….una miriade di cose che riportano indietro di 50 anni. Musiche…colori..atteggiamenti…realta’…situazioni. SE amate gli anni sessanta..e la bella musica e’ un film che amerete. Fantastico il personaggio del Conte..e fantastico il suo discorso finale ( toccante…sincero…reale). Per uno come me che ama la musica in maniera esponenziale..il film è emozionante e commovente. Tutti i personaggi sono azzeccati……dal piu’ piccolo al piu’ grande. Che dire ? IN due ore scarse…..tanti amarcord..tanta buona musica…e tanto divertimento. Ve lo assicuro cari Vintagers.. un grande film.

Dentifricio Paperino’s

Ecco un altro oggetto molto anni 70 : il dentifricio Paperino’s. Prima è nato col gusto cicca americana…poi fragola…quindi arancia e poi banana. Era dolcissimo da mangiare…e spesso noi bambini dell’epoca..ce lo mangiavamo direttamente…ah ah ah. Sponsorizzava tutto gli eventi organizzati dal giornale Topolino. Sul manico era presente un piccolo Paperino da fare roteare. Insomma….questo e’ una cosa che chi e’ stato bambino nei 70…non se la puo’ dimenticare assolutamente. Ciao Vintagers.

I Miniassegni

I Miniassegni apparvero in Italia negli anni 70. Era il duro periodo dell’inflazione ..dell’austerity…e per risparmiare sulle spese delle monete , la Banca d’Italia stampo’ dei veri e propi mini assegni…che valevano come la moneta. . Andavano dalle 50 lire….alle 350…con varie pezzature. La qualita’ non era eccelsa. Si stropicciavano con esterma facilita’..e si scolorivano . Umidita’ : attirata come una calamita. Sparirono lentamente dalla faccia della terra a fine anni settanta.  Un altro pezzo di storia vintage che forse in molti di voi non si ricordavano. Vi voglio bene…Vintagers.

Pubblicita’ Moplen

Era un materiale nuovo per quei tempi ( anni 60 ) …leggero..resistente . Il suo nome tecnico era : polipropilene isotattico. Secchi…scolapasta….valigie . Quasi tutto era fatto in Moplen. Il materiale fu inventato dal nobel Giulio Natta. La pubblicita’ fu riuscitissima grazie ad uno straordinario Gino Bramieri. Il suo slogan era : E mo’…e mo’…Moplen.

Paperon Dollars ( gomme da masticare )

Chi se le ricorda le Paperon Dollars ? Erano gomme da masticare…di colore rosa. ERano…monodose…non esisteva il pacchetto. DEntro c’era una bamconota da collezionare. A seconda del personaggio si poteva vincere un’altra gomma…o due…o tre. Eravamo negli anni 70 e le “cicche” erano molto di moda tra i ragazzini. In Italia il fumetto di Topolino era al top e si cercava di sfruttare al meglio questa popolarita’.  A fine decennio anni 70….sparirono..lentamente. Erano della Elah.

View Master ( detto anche visore 3D)

View Master : a memoria…uno dei primissimi giocattoli entrati in mio possesso. Era un semplice visore : si inseriva un dischetto contenenti delle micro diapositive. Posizionavi il visore verso la luce a magicamente potevi ammirare le cose contenute nel dischetto che oltretutto davano l’impressione di un primitivo 3D. Ci si passavano mezz’ore piene ad ammirare i contenuti. Variavano : geografia…storia…cartoni animati…fiabe…animali.  Quando non esisteva il computer…noi ragazzini terribili e vintage..avevamo comunque queste cose che ci aiutavano nella fantasia….immaginando..guardando…pensando..e leggendo gli opuscoli annessi. Cari Vintagers….vi voglio bene.

Libretto tascabile con le canzoni di Sanremo

Era molto in voga. Avevi in un piccolo libretto..tutti i testi del concorso canoro piu’ famoso d’Italia …e qualche foto degli artisti…rigorosamente in bianco e nero.  Penso sia andato avanti sino agli anni settanta..per poi sparire lentamente. Quando si era piccoli…era un appuntamento fisso in concomitanza col festival. Si apriva…e cominciavamo a cantare….! Era comodo..piccolo e …portatile ( si poteva sfoggiare anche negli intervalli a scuola). Quanti bei ricordi trovate in queste pagine…..!

I trasferelli

Erano tipo decalcomanie… i trasferelli . Sopra una immagine..potevi “ricalcare” e trasferire l’iimagine che volevi…schiacciandola con la punta di una penna..matita..o con delle robuste unghiate. Gli argomenti erano vari : dalla storia ai paesaggi….dallo sport alle fiabe…e cosi’ via. Ovviamente poi …noi si trasferiva dove capitava : quaderno di scuola..diario..agenda…quaderni e su tutte le superfici liscie possibile ( sulle ondulate o grinzose…non venivano bene). . Arrivarono in Italia nei primi anni settanta e durarono un ventennio scarso. Voi…ve li ricordavate..cari Vintagers ?

Paulista : pubblicita’ ( Carmencita e Caballero) Caffe’ Paulista

Attivi negli anni 60 e 70,,, Carmencita e Caballero pubblicizzavo il caffe’ Paulista dando luogo a delle vere e proprie storielle. Era il tempo del Carosello….e gli spot erano vere e proprie storielle. Io me li ricordo…e mi piacevano. Erano di una semplicita’ disarmante…..due coni capovolti. Ma si sa..una volta con poco….pareva di avere tantissimo. Grandissimi i due personaggi. Ve li ricordavate ? Spargete la voce che qui…si respira il vero Vintage. Quello puro e sincero.